DESIGN FOR PEOPLE. IT COULD WORK!

Il mio lavoro è progettare prodotti e servizi innovativi, mettendo sempre al centro l'utente, i suoi bisogni, i suoi desideri e le sue aspettative. TROVARE IL GIUSTO EQUILIBRIO TRA I BISOGNI DELLA PERSONA, LE ESIGENZE DI BUSINESS E LA FATTIBILITÀ TECNICA PER RAGGIUNGERE IL MIGLIOR RISULTATO POSSIBILE.

SKILLS

GRAPHICS

Adobe Illustrator
Adobe Photoshop
Adobe InDesign
Prezi

WEB & USER INTERFACE DESIGN

Adobe Fireworks
Balsamiq Mockup
OmniGraffle
Wordpress

PROTOTYPING & VIDEO EDITING

Axure RP
InvisionApp
Marvel
Adobe After Effects
Adobe Premier Pro

3D MODELLING & RENDERING

Rhinoceros
Keyshot
Solidworks
Cinema 4D

COMPETENZE PRINCIPALI

User Experience Design

USER-CENTERD DESIGN

INTERACTION DESIGN

USABILITY

MOBILE UX

DESIGN THINKING

E-COMMERCE

USER INTERFACE DESIGN

VISUAL DESIGN

Metodi e strumenti di lavoro

Wireframing

La prima fase operativa di progettazione dell’interfaccia utente: è rapida, dinamica e prevede la condivisione delle idee con gli altri componenti del team e talvolta con gli utenti finali e con il committente. Consiste nel disegnare il layout e gli elementi principali dell'interfaccia su carta a mano, oppure in digitale, utilizzando diversi software come Adobe Illustrator,Omnigraffle o Balsamiq. I wireframe sono fondamentali nel processo di design, perchè consentono di validare le scelte progettuali riguardanti il layout e l’usabilità del sistema progettato, aiutando a correggere errori nella fase di progettazione.

Mock-up

A partire dal layout impostato nella fase di wireframing, viene effettuato lo studio del look and feel: può trattarsi di nuovo prodotto, oppure di un prodotto da inserire all’interno di una precisa identità visiva già in uso. In entrambi i casi, i mockup consentono di definire le proporzioni, le dimensioni e le modalità di interazione delle varie componenti dell’interfaccia e di provare elementi grafici, tipografici e fotografici.

Visual design

L’impatto visivo di un prodotto e di un servizio è di fondamentale importanza tanto quanto il suo funzionamento o la sua utilità! Nel corso del progetto vengono recepiti i valori e le idee di business e tradotti in scelte di design volte a rispecchiarli e a comunicarli. Alcune attività tipiche di questa fase di lavoro sono lo studio del logotipo, la scelta della palette di colori, il disegno delle icone e dei tasti. Questa attività viene eseguita utilizzando diversi software, quali ad esempio Adobe Photoshop e Adobe Illustrator.

Web-ready graphics

Generalmente le risorse grafiche vengono ottimizzate prima di essere caricate su un server e utilizzate per un sito web. Questa parte del lavoro permette per ridurre il peso dei file e di conseguenza il tempo di caricamento dei siti web, mantenendo un’alta qualità delle immagini. Questa attività è molto importante soprattutto quando si realizzano interfacce mobile che devono essere caricate da smartphone e tablet che utilizzano una connessione dati.

Disegno vettoriale

Questo tipo di elaborazione grafica è molto utile sia per creare illustrazioni ed elementi di comunicazione come infografiche, banner, landing page, che per realizzare user interface per siti web, app mobile e altre tipologie di interfacce utente. La grafica vettoriale è uno strumento utilissimo che facilita e aiuta il mio lavoro perché consente di lavorare sulle immagini senza rischio di perdere qualità, producendo file molto leggeri e dando la possibilità di gestire le forme con estrema libertà. Lo strumento di disegno vettoriale che ormai utilizzo da quasi 10 anni è Adobe Illustrator, ma esistono ottimi software, alcuni anche free come ad esempio Inkscape.

Storyboard / Storytelling

Strumento ripreso dalla pratica video/cinematografica, lo storyboard consente di rappresentare in forma narrativa e visuale l’esperienza che l’utente vivrà nell’interazione con un prodotto o un servizio, digitale o fisico. Lo storyboard, realizzato in fase di progettazione, consente di rappresentare, condividere e comprendere il contesto d’uso, lo scenario di riferimento, il funzionamento del prodotto o servizio, e come la vita quotidiana dell’utente sarà toccata dall’esperienza del suo utilizzo. Lo storyboard deve fare riferimento sia agli aspetti funzionali del rapporto con un prodotto o servizio, che a quelli emozionali.

PERSONAS E SCENARIO

E’ un strumento utile per indagare e rappresentare gli utenti di un prodotto o servizio, digitale o fisico. Si tratta di profili fittizi, archetipi all’interno di un target di riferimento, creati a partire da informazioni raccolte attraverso ricerche svolte tra gli utenti reali. Tali ricerche, aiutano a comprendere bisogni, comportamenti e motivazioni da utilizzare nella costruzione delle personas. A differenza del targeting utilizzato nel Marketing, questa tecnica di profilazione si basa su ricerche qualitative che identificano profili personali, piuttosto che segmenti statistici. A partire dalle personas, si riescono ad identificare degli scenari.

USE CASES

La metodologia degli use cases, sviluppata in ambito informatico, permette di comprendere quali sono i requisiti di un sistema da progettare. Nello specifico, consente di fissare quali sono gli obiettivi degli utilizzatori finali e approfondire le modalità d’uso, la sequenza dell’interazione, le funzioni e i requisiti che il sistema che si sta progettando dovrà possedere.

CUSTOMER JOURNEY

È una visualizzazione infografica che consente di mappare cronologicamente il percorso di fruizione di un servizio da parte di uno specifico utente, spesso definito tramite la tecnica dei personas. La mappatura mette in evidenza le azioni compiute dall’utente e gli step del servizio, dando evidenza dei touchpoint nei quali essi si incontrano. Questa tecnica consente di descrivere facilmente lo scenario di un servizio, mettendo in evidenza i canali di erogazione (es. mobile, sito desktop, social network, punto vendita etc.) e gli aspetti emotivi legati alla fruizione del servizio.

SKETCHING

È la fase in cui si traducono su carta le prime idee progettuali, disegnando e abbozzando elementi, funzioni, interazioni. Questa tecnica non necessita di grandi strumenti, a parte carta e matita! È molto importante fare degli sketch prima di utilizzare i software, perché consentono di buttare giù idee e pensieri con immediatezza, individuando più velocemente criticità e punti di forza. Utile anche e soprattutto per condividere le idee in team.

PROTOTIPAZIONE

È l’insieme delle tecniche attraverso le quali viene simulato il funzionamento di un’interfaccia digitale, al fine di effettuare le scelte progettuali più adeguate ed identificare criticità, prima dell’implementazione. Esistono molteplici tecniche di prototipazione, più o meno complesse e realistiche. Esistono diversi software come Axure, Invision, Fireworks o Balsamiq, per simulare interazioni, comportamenti dei vari elementi e flussi di navigazione come se fossimo in un browser o in un’app mobile. Altrimenti, il paper prototyping, che consente di realizzare un prototipo a basso costo con carta e penna. Spesso l’importanza della fase di prototipazione è sottovalutata, al contrario può rappresentare un ottimo strumento di condivisione nel team e di test se utilizzato con gli utenti reali prima dell’implementazione.

3D MODELLING e RENDERING

Non è uno skill imprescindibile nel lavoro di UX/UI designer. Tuttavia la conoscenza dei principi geometrici e di disegno 3D, possono essere di grande aiuto soprattutto nella progettazione di modalità di interazione innovative. Attraverso specifici software, la modellazione 3D consente di realizzare forme e oggetti tridimensionali virtuali. Infine, grazie alla tecnica di rendering è possibile realizzare immagini fotorealistiche virtuali da utilizzare per rappresentazioni grafiche, simulazioni e video animazioni.